Parole al vento
15317
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-15317,page-child,parent-pageid-15042,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-18.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.3,vc_responsive
 

Parole al vento

Non siamo presenti in rete in forma massiva.

Per più motivi.

Preferiamo un altro tipo di rapporto, un altro tipo di contatto. Su queste scelte pesano essenzialmente le nostre ferme convinzioni, forse troppo ferme, ma è così. Non ci fa piacere far gravare sulle tasche dei nostri ospiti i balzelli che i siti più conosciuti applicano per attirare la visibilità, ed aumentare i possibili contatti. Rinunciamo agli affari, miglioriamo in dignità. Nemmeno ci piacciono tutte le restrizioni e le penali che si debbono applicare in caso di ritardo, di disdetta, di imprevisto. Già la parola “penali” mal la sopportiamo. Con la rinuncia poi a comparire nel sito oggi di tendenza, AIRBNB, più o meno un buon 80% di possibili ospiti da queste parti probabilmente non arriverà mai.

Quindi?

Quindi va bene così.

Usiamo due antiche doti, la fatica e la pazienza. Per fare le cose perbene serve del tempo e tanta fatica, perché bisogna riflettere e pensare. E poi avere la pazienza necessaria per raccogliere i frutti del proprio lavoro. La frenesia, il pressapochismo portano in altra direzione, quella che non ci interessa. Pazienza, tempo necessario, e tanta fatica. Il risultato cui tendiamo non è arrivare primi, è la soddisfazione reciproca. Vogliamo essere felici solo se lo sono anche gli altri.

In questo presente rosso sangue,

nostro malgrado,

in questo ritorno di barbarie novità (siamo nel mese di febbraio 2019 mentre scriviamo queste righe), ci teniamo a precisare che ``Le Casite`` sono e rimangono un luogo dove le persone ancora si incontrano e parlano senza tenere in alcun conto della lingua, della provenienza e della loro storia. E’ sempre stato così, lo è oggi, ancor di più. Odiamo gli indifferenti, come i contadini di Mauthausen che vivevano lì ma facevano finta di non accorgersi di niente. Battevano le mani e sventolavano le bandierine per dimenticare le loro vite di merda. Chi si trova nel nostro luogo e in nostra compagnia non sentirà mai parlare di differenze e di confini, che siano quelli mentali e/o quelli inventati dagli uomini. Rallentare per non perdersi e non arrivare mai.

Chi non si trova d’accordo con noi oggi non ha che l’imbarazzo della scelta. E troverà con facilità dove andare. Sempre per sempre, dalla stessa parte, saremo lì.