40 anni fa
16531
post-template-default,single,single-post,postid-16531,single-format-standard,bridge-core-2.0.9,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-23.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive

40 anni fa

40 anni fa

Oggi è il quarantennale della morte di Franco Basaglia.

“Quando entra a Gorizia, ricorda Dell’Acqua, Basaglia si trova di fronte invece a un mondo sospeso, un luogo di violenza, tra porte blindate, letti a rete, gabbie, cravattini, gli internati legati a letto. Gli farà dire in seguito che lì c’erano 650 sacchi di tela grigia, 650 corpi di uomini e donne divenuti invisibili”

“Quel – e mi no firmo – che dice Basaglia all’ispettore che gli porge il registro coi nomi di chi durante la notte è stato legato al letto, è solo il primo gesto del cambiamento. Era appena arrivato ma la rivoluzione era già iniziata.”

Solo a lui potevamo dedicare, a servizio del ricordo e del perenne ringraziamento, il nostro Bed & Breakfast.

Alessandro